11 Mar

XII NOTTE EUROPEA DELLA CIVETTA – OASI WWF Lago di Serranella 11.03.2017 (ABRUZZO) – UN GRAZIE A TUTTI I PARTECIPANTI!

XII NOTTE EUROPEA DELLA CIVETTA – OASI WWF Lago di Serranella 11.03.2017 (ABRUZZO) – UN GRAZIE A TUTTI I PARTECIPANTI!
 
Straordinaria risposta di pubblico all’evento promosso a livello nazionale dal GIC (Gruppo Italiano Civette) e da EBN Italia, organizzato in Abruzzo dall’ASSOCIAZIONE ANSN Aiutiamo la Natura Secondo Natura, con la collaborazione dell’Oasi WWF Lago di Serranella, dello IAAP (Istituto Abruzzese per le Aree Protette), della LIPU Chieti-Pescara e della SOA (Stazione Ornitologica Abruzzese).
A nome di tutte le associazioni partner, vi ringraziamo di cuore per la vostra partecipazione e per il grande interesse dimostrato!
Di seguito un sunto della serata.
 Alla iniziale presentazione dell’evento, con un doveroso ringraziamento al GIC per aver promosso a livello nazionale l’iniziativa, è seguita la presentazione dei rapaci notturni da parte di Francesca Di Bartolomeo, medico-veterinario presso il Centro Recupero Fauna Selvatica di Pescara, nonchè segretaria dell’Associazione ANSN. Poi ci siamo addentrati nella problematica di conservazione dei rapaci nottorni e assieme al Dott. Sante Cericola, presidente dell’ANSN, abbiamo visto da vicino le azioni concrete di tutela che ognuno di noi può porre in essere per conservare i preziosi strigiformi nelle nostre campagne e periferie, a beneficio di tutti, compensando la scomparsa delle cavità a loro utili per la riproduzione, anche attraverso l’uso dei nidi artificiali; abbiamo conosciuto quelli per civette, assioli, barbagianni e allocchi. E’ seguito il coffee break e l’ascolto dei versi e canti dei vari rapaci notturni abruzzesi. L’evento si è poi concluso con una passeggiata in notturna e dimostrazione su campo della tecnica del play-back e la liberazione di alcuni rapaci notturni curati presso il CRFS di Pescara, gestito dai Carabinieri Forestali a cui mandiamo il nostro saluto.
 
Alleghiamo alcune foto; non sono le più rappresentative! Infatti quelle all’interno del centro visite sono state scattate all’inizio dell’evento, quando non raggiungevamo ancora nemmeno la metà dei partecipanti! 🙂 Ringraziamo per la maggior parte delle foto di seguito, i siti casoli.org e www.camminoverde.it.
Buona visione!
DSCN3391
DSCN3399
Notte-della-Civetta-Lago-Serranella-12
Notte-della-Civetta-Lago-Serranella-8 Notte-della-Civetta-Lago-Serranella-11
17264259_10158495441080151_4636878593138213502_n 17156314_10158495442120151_2516505158910540842_n17309850_10158495442410151_2882103432743673012_n
DSCN3405
DSCN3406
17265031_10158495442945151_8026945517266012023_n 17201085_10158495442630151_5078581338661657713_n
 
Questa serata è stata un successo e speriamo di avervi trasmesso quella passione che muove noi dell’Associazione ANSN a voler conservare attivamente il nostro patrimonio di Biodiversità!
Alla prossima! 🙂
 
[Sante Cericola, Presidente dell’Associazione ANSN Aiutiamo la Natura Secondo Natura_Comunicato dell’11.03.2017].
04 Mar

XII NOTTE EUROPEA DELLA CIVETTA_11.03.2017_INVITO_ASSOCIAZIONE ANSN

Amici, Soci e simpatizzanti dell’Associazione ANSN, vi invitiamo alla XII Notte Europea della Civetta! In Abruzzo si terrà a Sant’Eusanio del Sangro, con incontro presso la sala convegni della Riserva Naturale e Oasi WWF Lago di Serranella, sabato 11 marzo, a partire dalle 17.00. Passeremo una serata fuori dall’ordinarietà e faremo un timido ingresso verso l’universo degli Strigiformi: conosceremo civette, assioli, barbagianni, allocchi e gufi; ne libereremo alcuni curati presso il Centro Recupero Fauna Selvatica di Pescara; parleremo di come conservarli, anche facendo uso di nidi artificiali ed infine li ascolteremo all’aperto!

Tutti i dettagli in locandina.

Non mancate!

Notte della civetta_Serranella_11.03.2017_WWW.ANSN.it

SEGUI L’ANSN ALLA PAGINA FACEBOOK: CLICCA QUI E METTI MI PIACE.

ISCRIVITI/RINNOVA DONA FINANZIA UN PROGETTO MERCATINO

05 Feb

WORLD WETLANDS DAY ALL’OASI WWF LAGO DI SERRANELLA – STASERA AL TG3 REGIONE ABRUZZO (saltata a LUN 06 FEB ORE 14.00)

Grazie al WWF Abruzzo e all’Oasi WWF Lago di Serranella!

© www.ansn.it_Giornata Mondiale delle Zone Umide_05.02.2017

Oggi ho rilasciato un’intervista riguardo la giornata mondiale delle zone umide. Se volete sentite la notizia al tg 3 regione Abruzzo, stasera, in onda a partire dalle 19.30 su rai 3, 😊 ne verrà mandato in onda uno stralcio di pochi secondi. Sono stato tutta la mattinata ad accompagnare un nutrito gruppo, che ringrazio per la partecipazione, in una passeggiata di visita della zona umida più importante che abbiamo in Abruzzo: la Riserva naturale nonché OASI WWF Lago di Serranella. Una passeggiata per parlare dell’importanza delle zone umide, a 46 anni dalla Convenzione di Ramsar: l’importanza della tutela delle zone umide in chiave di conservazione della sua biodiversità, l’importanza come luoghi di sosta della fauna migratrice, la conoscenza degli ecosistemi lotici e lentici (fiumi e laghi) anche alla luce della riduzione del rischio idraulico e della prevenzione dai disastri indotti dall’errata pianificazione territoriale. Insomma oggi è stato un gran giorno!

AGGIORNAMENTO: LA NOTIZIA DEL TG3 ABRUZZO E’ SALTATA A LUN 6 FEBBRAIO, ORE 14.00!

[Sante Cericola, Presidente dell’Associazione ANSN Aiutiamo la Natura Secondo Natura_05.02.2017].

ISCRIVITI/RINNOVA DONA FINANZIA UN PROGETTO MERCATINO

16 Gen

ALLESTIMENTO DI PUNTI CIBO E MANGIATOIE INVERNALI PER GLI UCCELLI SELVATICI

www.ansn.it_Mangiatoia Neve© Sante Cericola [2017]

Se volete allestire dei punti cibo d’emergenza, sfruttate i punti dell’edificio che naturalmente non si innevano e buttate il cibo a terra, sparpagliandolo ed evitando di fare mucchietti o di metterlo in contenitori, non usufruite dalle specie più diffidenti. Mettete inoltre delle mangiatoie in giardino, sparpagliando il cibo anche a terra se non sta nevicando; proponete cibo che possa soddisfare la maggior parte degli uccelli granivori e di quelli insettivori: dalla mia esperienza consiglio tanti semi di girasole (soprattutto se ci sono tanti fringuelli), le briciole di dolci, come ad esempio il pandoro/panettone sbriciolato, briciole di biscotti grassi a base di burro, frutta secca a pezzettini e il misto per polli (mangime + granaglia mista spezzata).

Infine se volete produrre delle polpette a base di strutto, vi linko il video che ho realizzato qualche anno fa, a cui vi potete ispirare; potete migliorare la ricetta, integrandola di pezzetti di frutta secca ed uvetta, ad esempio.

Se volete approfondire i dettagli relativi al cibo per le varie specie e al perchè è sconsigliatissimo dare le briciole di pane, vi consiglio il seguente video:

 

[Sante Cericola, Associazione ANSN Aiutiamo la Natura Secondo Natura – Comunicato del 16.01.2017].

Per RICHIESTE e INFORMAZIONI, 

contatta l’Associazione ANSN 
Aiutiamo la Natura Secondo Natura 
cliccando QUI
oppure manda un’email al seguente indirizzo:
SEGUI L’ANSN ALLA PAGINA FACEBOOK: CLICCA QUI E METTI MI PIACE.
ISCRIVITI/RINNOVA DONA FINANZIA UN PROGETTO MERCATINO
11 Gen

INVERNO, MANGIATOIE PER UCCELLI E FAME

CINCIALLEGRE? Non tanto con questo freddo!

sante-cericola-2017_cinciallegre_www-ansn-it

INVERNO, MANGIATOIE PER UCCELLI E FAME: questo è il contenuto di questo breve filmato che mostra la frenesia di alcuni fringuelli per accaparrarsi un po’ di cibo e sopravvivere al freddo, al gelo, alla neve che copre tutto.
Buona visione!
(Nota: il video non è stato velocizzato; è alla velocità reale).

ALLESTIMENTO DI PUNTI CIBO E MANGIATOIE
Se volete allestire dei punti cibo d’emergenza, sfruttate i punti dell’edificio che naturalmente non si innevano e buttate il cibo a terra, sparpagliandolo ed evitando di fare mucchietti o di metterlo in contenitori, non usufruite dalle specie più diffidenti. Mettete inoltre delle mangiatoie in giardino, sparpagliando il cibo anche a terra se non nevica; proponete cibo che possa soddisfare la maggior parte degli uccelli granivori e di quelli insettivori: dalla mia esperienza consiglio tanti semi di girasole (soprattutto se ci sono tanti fringuelli e verdoni), le briciole di dolci, come ad esempio il pandoro, il panettone, briciole di biscotti grassi a base di burro, frutta secca a pezzettini e il misto per polli (mangime + granaglia mista spezzata).
Infine se volete produrre delle polpette a base di strutto, vi linko il video che ho realizzato qualche anno fa, a cui vi potete ispirare; potete migliorare la ricetta, integrandola di pezzetti di frutta secca ed uvetta, ad esempio.
PREPARAZIONE POLPETTE A BASE DI STRUTTO

[Sante Cericola, Associazione ANSN Aiutiamo la Natura Secondo Natura – Comunicato dell’11.01.2017].

Per RICHIESTE e INFORMAZIONI, 
contatta l’Associazione ANSN 
Aiutiamo la Natura Secondo Natura 
cliccando QUI
oppure manda un’email al seguente indirizzo:
SEGUI L’ANSN ALLA PAGINA FACEBOOK: CLICCA QUI E METTI MI PIACE.
ISCRIVITI/RINNOVA DONA FINANZIA UN PROGETTO MERCATINO
09 Gen

RESOCONTO MANGIATOIE INVERNALI UCCELLI SELVATICI_09 GENNAIO 2017

RESOCONTO MANGIATOIE 09 GENNAIO 2017 (DOPO 3 GIORNI DI COPERTURA NEVOSA TOTALE, Lanciano (CH))
Ad oggi, mattina del 09 gennaio 2017, con copertura nevosa totale da 3 giorni e mezzo, delle 2 mangiatoie dietro casa e di quella avanti casa (escludendo i punti cibo allestiti a terra, al di fuori dell’area delle mangiatoie) hanno usufruito in tutto (numero massimo individui per specie, visti insieme): 56 fringuelli, 6 cinciallegre, 3 cinciarelle, 7 pettirossi, 4 tortore dal collare, 3 ghiandaie, 3 passere mattugia, 5 verdoni, 1 codirosso spazzacamino femmina, 5 merli, 1 gazza. Tra le presenze costanti negli anni, manca ancora la passera scopaiola; negli inverni più rigidi è arrivato anche il frosone, ad oggi non ancora osservato.

IN FOTO_I numerosi fringuelli preferiscono nutrirsi a terra, assieme ai merli: pertanto si consiglia di sparpagliare sempre semi di girasole e briciole di dolci a terra, se non sta nevicando. Al sopraggiungere della neve e durante le bufere e, finito il cibo a terra, vedrete che anche i fringuelli inizieranno l’ascesa verso le mangiatoie, stabilendo precise gerarchie d’imbeccata e le baruffe, tra fringuelli e tra fringuelli e verdoni, saranno spettacolari.

NOTE ALLESTIMENTO DI PUNTI CIBO E MANGIATOIE
Se volete allestire dei punti cibo d’emergenza, sfruttate i punti dell’edificio che naturalmente non si innevano e buttate il cibo a terra, sparpagliandolo ed evitando di fare mucchietti o di metterlo in contenitori, non usufruite dalle specie più diffidenti. Mettete inoltre delle mangiatoie in giardino, sparpagliando il cibo anche a terra se non nevica; proponete cibo che possa soddisfare la maggior parte degli uccelli granivori e di quelli insettivori: dalla mia esperienza consiglio tanti semi di girasole (soprattutto se ci sono tanti fringuelli), le briciole di dolci, come ad esempio il pandoro sbriciolato, briciole di biscotti grassi a base di burro, frutta secca a pezzettini e il misto per polli (mangime + granaglia mista spezzata).
Infine se volete produrre delle polpette a base di strutto, vi linko il video che ho realizzato qualche anno fa, a cui vi potete ispirare; potete migliorare la ricetta, integrandola di pezzetti di frutta secca ed uvetta, ad esempio. https://www.youtube.com/watch?v=n3AGybJCIfw
 
[Sante Cericola, Associazione ANSN Aiutiamo la Natura Secondo Natura – Comunicato del 09.01.2017].
Per RICHIESTE e INFORMAZIONI, 
contatta l’Associazione ANSN 
Aiutiamo la Natura Secondo Natura 
cliccando QUI
oppure manda un’email al seguente indirizzo:
SEGUI L’ANSN ALLA PAGINA FACEBOOK: CLICCA QUI E METTI MI PIACE.